Si comunica che gli uffici della Scuola Superiore resteranno chiusi dal 7 al 19 agosto 2017

Estate a Scuola – Cinema

17luglio2017Lunedì 17 luglio 2017, ore 20.30
Scuola Superiore di Catania
Villa San Saverio

Conversazione con
Pierfrancesco Favino

Saluti:
Francesco Priolo
Presidente Scuola Superiore di Catania

Introduce:
Lina Scalisi
Coordinatore Classe delle Scienze Umanistiche e Sociali
Scuola Superiore di Catania

Conversano:
Italo Moscati
Regista, giornalista e scrittore

Ombretta Grasso
La Sicilia


pierfrancesco favinoPierfrancesco Favino nasce a Roma il 24 agosto 1969. Diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, ha seguito il corso di perfezionamento diretto da Luca Ronconi e vari seminari di recitazione partecipando a numerose produzioni teatrali. È tra i fondatori dell’Actor’s Center di Roma.
Tra i film che lo hanno messo più in evidenza: “L’ultimo bacio” (2000) di Gabriele Muccino, “Da zero a dieci” (2001) di Luciano Ligabue, “Emma sono io” (2002) di Francesco Falaschi, “El Alamein” (2002) di Enzo Monteleone che gli è valso la candidatura al David di Donatello 2003 come miglior attore non protagonista.
Nel 2003 gira “Passato Prossimo” di Maria Sole Tognazzi e nel 2004 è nel cast di “Le chiavi di casa” di Gianni Amelio, presentato in concorso alla 61ma Mostra di Venezia e per il quale ha ricevuto la nomination per il Nastro d’argento come miglior attore non protagonista.
A seguire: “Romanzo Criminale” (2005, di Michele Placido) (premiato con il David di Donatello quale miglior attore non protagonista e con il Nastro d’Argento quale miglior attore protagonista), “La Sconosciuta” (2006) di Giuseppe Tornatore, “Una notte al museo” (2007) con Ben Stiller e “Saturno Contro”, di Ferzan Ozpetek, grazie alla quale ha ottenuto, durante il Festival del Cinema di Venezia 2007, il premio Diamanti al Cinema come migliore attore protagonista.
Nel 2008 torna nelle sale con il film Disney “Le Cronache di Narnia: il principe Caspian”, “Miracolo a Sant’Anna” di Spike Lee e “L’uomo che ama” di Maria Sole Tognazzi. Nel 2009 partecipa a “Angeli e Demoni” di Ron Howard (con Tom Hanks, tratto dal best-seller di Dan Brown).
Diverse anche le partecipazioni a produzioni televisive: da ricordare l’interpretazione di Gino Bartali nella fiction dedicata al grande ciclista toscano (2006) di Alberto Negrin, “Liberi di giocare” (2007) di Francesco Miccichè, grazie al quale ha vinto il premio come miglior attore protagonista al Roma FictionFest 2007 e “Pane e Libertà” (2009) di Alberto Negrin.
Lavori successivi sono “ACAB – All Cops Are Bastards” (2012, di Stefano Sollima), “Romanzo di una strage” (di Marco Tullio Giordana, 2012), “World War Z” (2013, di Marc Forster, con Brad Pitt), “Rush” (2013, di Ron Howard).
Nel 2014 veste i panni dell’avvocato Giorgio Ambrosoli, vittima di mafia, per la mini-serie tv “Qualunque cosa succeda. Giorgio Ambrosoli, una storia vera”.
Negli anni successivi recita nei film “Suburra” (2015, di Stefano Sollima), “Le confessioni (2016, di Roberto Andò), “Moglie e marito” (2017, di Simone Godano, con Kasia Smutniak).


Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it

Estate a Scuola – Musica

12luglio2017

Mercoledì 12 luglio 2017, ore 20.30
Scuola Superiore di Catania
Villa San Saverio

Coro del Teatro Massimo Bellini
Ross Craigmile – direttore del coro
Salvo Fresta – voce
Marinella Arena – soprano
Salvo Todaro – baritono
Paola Selvaggio – piano
Daniela Campione – ballerina


Programma:

  1. “Ronda de enamorados” de “La del soto del parral” (R. Soutullo/J. Vert)
  2. Coro de barquilleros de “Agua, azucarillos y aguardiente” (F. Chueca)
  3. Coro de repatriados de Gigantes y Cabezudos (M.F. Caballero)
  4. Cuba dentro de un piano (Montsalvatge)
  5. Seguidillas de “La verbena de la paloma” (T. Bretón)
  6. Canción de Orfeo (Bonfá)
  7. El día que me quieras (Gardel)
  8. Escena y coros de Bohemios (A. Vives)
  9. “Canta mendigo errante” de “Alma de Dios” (J. Serrano)
  10. Zamacueca chilena de “Lost sobrinos del capitàn Grant” (M.F. Caballero)
  11. Bella enamorada (Soutullo/Vert)
  12. Coro de románticos de “Doña Francisquita” (A. Vives)
  13. El Chotis de la Chulapona (Moreno Torroba)
  14. Seguidillas manchegas de “Pan y toros” (F. A. Barbieri)


Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it

Estate a Scuola – Scienza

logo Accademia Gioenia

7luglio2017

Venerdì 7 luglio 2017, ore 20.30
Scuola Superiore di Catania
Villa San Saverio

Incontro con:
Roberto Battiston
Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana

Luca Parmitano
Astronauta ESA e Ten. Col. dell’Aeronautica Militare

Saluti:
Francesco Basile
Magnifico Rettore Università degli Studi di Catania

Mario Alberghina
Presidente Accademia Gioenia

Introduce:
Francesco Priolo
Presidente Scuola Superiore di Catania


BattistonRoberto Battiston è Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana. Ordinario di Fisica Sperimentale all’Università di Trento, città dove è nato nel 1956, Battiston ha alle spalle una lunga e prestigiosa carriera accademica e scientifica, ricca di riconoscimenti internazionali, cominciata subito dopo la laurea con lode in Fisica alla Normale di Pisa, nel 1979. Fisico dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), Battiston è stato, tra le altre cose, presidente della Commissione nazionale INFN per la Fisica Astroparticellare.

ParmitanoLuca Parmitano è un astronauta della European Space Agency e Ten. Col. dell’Aeronautica Militare. Protagonista di Volare, la prima missione di lunga durata dell’ASI. È stato il primo italiano ad effettuare un’attività extraveicolare (nel 2013) con oltre 6 ore di passeggiata spaziale. Si è diplomato al Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Catania nel 1995, è entrato in Aeronautica Militare nel ’95 presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli e ha conseguito la laurea in Scienze politiche all’Università Federico II di Napoli nel 1999. Nel 2019 tornerà nello spazio per una missione presso la Stazione Spaziale Internazionale.


Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it

3luglio2017

Lunedì 3 luglio 2017, ore 18.30
Scuola Superiore di Catania
Villa San Saverio

Incontro con il regista
Francesco Bruni

Saluti:
Francesco Priolo
Presidente Scuola Superiore di Catania

Interventi di:
Lina Scalisi
Coordinatore Classe delle Scienze Umanistiche e Sociali
Scuola Superiore di Catania

Italo Moscati
Regista, giornalista e scrittore

bruni
Francesco Bruni, regista e sceneggiatore. Inizia la propria carriera nel 1996, con il film “Condominio” (1991) di Felice Farina. Conosciuto soprattutto per il sodalizio con Paolo Virzì per cui, insieme a Furio Scarpelli e Francesco Piccolo, firma numerose sceneggiature: “La bella vita” (1994), “Ferie d’agosto” (1996), “Ovosodo” (1997), “Baci e abbracci” (1999), “My Name is Tanino” (2001), “Caterina va in città” (2003), “N – Io e Napoleone” (2006), “Tutta la vita davanti” (2008) e “La prima cosa bella” (2010). Da non dimenticare, le collaborazioni con Mimmo Calopresti per le sceneggiature di: “La seconda volta” (1995, con Nanni Moretti), “La parola amore esiste” (1998 con Gérard Depardieu), “Preferisco il rumore del mare” (2000) e “La felicità non costa niente” (2003). Molto importanti, le sceneggiature curate per: “Le parole di mio padre” (2001) di Francesca Comencini e “Nati stanchi” (2002), “Il 7 e l’8″ (2007) e “La matassa” (2009) di Ficarra e Picone. Noto anche nel mondo della televisione, cura l’adattamento dei romanzi di Andrea Camilleri per la serie tv “Il Commissario Montalbano” (1998, 2008) e quelli di Carlo Lucarelli per “Il Commissario De Luca” (2008). Dal 2000 al 2010 è inoltre docente di sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia. Nella sua carriera vanta anche una piccola performance attoriale nel film, “La guerra degli Antò” (1999) di Riccardo Milani. Nel 2011 esordisce alla regia con il film “Scialla! (stai sereno)”, dove al festival di Venezia vince il premio “Controcampo” per i lungometraggi narrativi. Pluripremiato anche nel 2012 con il David di Donatello e il Nastro d’argento come miglior regista esordiente. Nello stesso anno è presidente della giuria nella sezione “Prospettive Italia” della settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Ultima fatica la regia del film “Tutto quello che vuoi” (2017), ancora nelle sale cinematografiche.



Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it

13giugno2017

Martedì 13 giugno 2017, ore 10.30
Scuola Superiore di Catania
Aula Magna, Villa San Saverio

Relatore: Sir John E. Walker
Premio Nobel per la Chimica

Saluti:
Francesco Basile
Magnifico Rettore Università degli Studi di Catania

Francesco Priolo
Presidente Scuola Superiore di Catania

Modera:
Vito De Pinto
Università degli Studi di Catania

ABSTRACT: The lecture will be devoted to how the biological world supplies itself with energy to make biology work, and what medical consequences ensue when the energy supply chain in our bodies is damaged or defective. It will also explore how our recent understanding of the fundamental processes involved in harvesting and converting energy to a form used in biology contributes towards solving major problems upon which the survival of mankind may depend.

Walker
SPEAKER’S BIO: Professor Sir John Walker studied chemistry at St Catherine’s College Oxford. After spending periods of study and research abroad, first at the University of Wisconsin USA, and then at The Pasteur Institute in Paris, in 1974 he joined the laboratory of Molecular Biology in Cambridge, where he remained until 1998. Here he developed his interest in how energy in food is converted into a form that the human body can use via the molecule ATP. He also established the details of the modified genetic code of mitochondria, helped to discover overlapping genes in bacteriophages and discovered two protein sequence motifs to which his name has become attached. They are involved in binding nucleotides, and are the most abundant protein motifs in the entire biological world. His work on energy conversion led in 1994 to the determination of the atomic structure of the catalytic domain of the ATP synthase, which immediately pointed towards a mechanical rotary mechanism of coupling of energy derived from foodstuffs to the chemical synthesis of ATP. This work led to the award of the Nobel Prize in Chemistry in 1997. He became the Director of the Medical Research Council (MRC) Dunn Human Nutrition Unit in Cambridge in 1998, which became the MRC Mitochondrial Biology Unit in 2008. He relinquished the Directorship of the Unit in January 2013. As Director Emeritus, he continues to pursue his research interests in mitochondria.
He is a Fellow of the Royal Society, a Fellow of the Academy of Medical Sciences, a Fellow of Sidney Sussex College, a Foreign Member of L’Accademia Nazionale dei Lincei, and of the Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences, and a Foreign Associate of the US National Academy of Sciences.
In 2012, he received the Copley Medal of the Royal Society, the UK’s highest scientific accolade. Previous awardees include Benjamin Franklin, Joseph Priestley, Alessandro Volta, Charles Darwin, Max Planck and Francis Crick, and, in more recent times, James Watson, Stephen Hawking and Peter Higgs.



Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it – Tel: 0952338526

12giugno2017

Lunedì 12 giugno 2017, ore 21
Scuola Superiore di Catania
Aula Magna, Villa San Saverio

Relatore: Piero Bevilacqua
Storico, scrittore e saggista

Conversazione sul libro Felicità d’Italia: Paesaggio, arte, musica, cibo

Saluti:
Francesco Priolo
Presidente Scuola Superiore di Catania

Ne discutono con l’autore:
Leandra D’Antone
Storica

Lina Scalisi
Coordinatore Classe delle Scienze Umanistiche e Sociali

ABSTRACT: “Sembra beffardo il titolo di questo libro di Piero Bevilacqua, Felicità d’Italia. Oppure ironico. Parlare oggi di felicità in un Paese come il nostro con più di quattro milioni di poveri, quattro milioni di giovani senza lavoro, diseguaglianze penose, la corruzione diffusa, il territorio dissestato, la speculazione trionfante, le case costruite sulla sabbia, il Mezzogiorno abbandonato e dimenticato, il popolo deluso e stanco, può sembrare almeno stravagante. Ma Piero Bevilacqua è uno storico serio, ha scritto della società in cui siamo vissuti e viviamo, del Sud e del Nord e dei mondi possibili e basta leggere la prima pagina di questo libro pubblicato da Laterza per capire che quel titolo non è un ardito inganno per sedare le inquietudini”.
(Corrado Stajano, “Corriere della Sera”)

bevilacquaPiero Bevilacqua è professore senior di Storia contemporanea presso «La Sapienza» di Roma. Nel 1986 ha fondato con altri studiosi L’Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali (Imes), di cui è attualmente presidente. Dal 1987al 2004 ha diretto Meridiana, rivista di storia e scienze sociali. Collabora a riviste italiane e straniere. Ha partecipato a seminari di studio internazionali in Europa negli USA e in Giappone. In passato si è occupato prevalentemente di storia dell’Italia meridionale (Le campagne del Mezzogiorno tra fascismo e dopoguerra Einaudi 1980; cura del volume, insieme ad A. Placanica dedicato alla Calabria per la storia delle regioni Einaudi, 1985; Breve storia dell’Italia meridionale, Donzelli 1993,1997, 2005). Si è poi interessato alla storia del territorio e dell’agricoltura italiana. Si ricorda di questa fase il volume, scritto insieme a Manlio Rossi-Doria, Le bonifiche in Italia dal Settecento a oggi, Laterza, Roma-Bari, 1984; la cura della Storia dell’ agricoltura italiana in età contemporanea, Marsilio, Venezia, 3 voll. 1989-1991),
Più di recente ha indirizzato le sue ricerche alla storia delle risorse e dell’ambiente: Tra natura e storia. Ambiente, economie, risorse in Italia, Donzelli, 1996, 2000; Demetra e Clio. Uomini e ambiente nella storia, Donzelli Roma, 2001; La mucca è savia. Ragioni storiche della crisi alimentare europea, Donzelli 2002); Venezia e le acque. Una metafora planetaria, Donzelli, 1995,1998, 2000.Quest’opera è stata tradotta anche in Francia (Levi, Paris 1996); Germania, Giappone e USA. Dirige con altri studiosi I frutti di Demetra. Di recente ha pubblicato La Terra è finita. Breve storia dell’ambiente, Roma-Bari, 2006; Miseria dello sviluppo, Laterza, Roma Bari 2008; Il grande saccheggio. L’età del capitalismo distruttivo, Laterza Roma Bari, 2011.

dantoneLeandra D’Antone, professore senior di Storia contemporanea presso «La Sapienza» di Roma, è autrice di libri e saggi sulle politiche pubbliche (agricole, industriali, finanziarie, meridionaliste, trasportistiche) e sulla pubblica amministrazione italiana.  Fa parte, tra altro, del comitato scientifico della Rivista economica del Mezzogiorno e della Fondazione Res di Palermo. Tra le pubblicazioni più recenti: L’Iri da ente transitorio a ente permanente e L’architettura di Beneduce e Menichella, inStoria dell’Iri, vol.1, Laterza 2012; L’Iri di Beneduce e il valore morale del risparmio, in “Imprese e storia”, nn. 41-42, 2012;  Mezzogiorno d’Italia e d’Europa. Reti di trasporto e coesione territoriale, in Dimensioni e problemi della ricerca storica, 2013; La storia, le trasformazioni (curato con M. Petrusewicz (2015), Le università meridionali in prospettiva storica (con D.Miotti), in Fondazione Res, Università in declino. Un rapporto sugli atenei italiani da Nord a Sud, cura di G. Viesti  (2016); La via siciliana al credito speciale. la sezione di credito industriale del Banco di Sicilia. 1944-1990 (con M.Alberti), in Storia del Banco di Sicilia, Donzelli 2017.



Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it

6giugno2017Martedì 6 giugno 2017, ore 17.45
Scuola Superiore di Catania
Aula Magna, Villa San Saverio

Relatore: Nicola Gratteri
Procuratore della Repubblica di Catanzaro

Saluti:
Francesco Priolo
Presidente Scuola Superiore di Catania

Ne discute:
Carlo Colloca
Università degli Studi Catania

Modera:
Mario Barresi
Giornalista La Sicilia

gratteriSPEAKER’S BIO: Nicola Gratteri, nato a Gerace (prov. di Reggio Calabria) il 22 luglio 1958, è dal 21 aprile del 2016 il Procuratore della Repubblica di Catanzaro. Si laurea in Giurisprudenza all’Università di Catania e dopo due anni dalla laurea entra in magistratura. Impegnato in prima linea contro la ‘Ndrangheta, vive sotto scorta dall’aprile del 1989. Ha coordinato importanti indagini sulla criminalità organizzata (tra queste quella relativa alla strage di Duisburg) e sulle rotte internazionali del narcotraffico. È una delle figure che meglio conosce i meccanismi delle tre diverse organizzazioni criminali che ‘prosperano’ in Italia: Mafia, Camorra, ‘Ndrangheta.
Nel 2009 è nominato procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria. Il 18 giugno 2013, il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, nomina Gratteri, componente della task force per l’elaborazione di proposte di legge in tema di lotta alla criminalità organizzata.
Gratteri da sempre è molto sensibile ad occasioni per incontrare giovani e giovanissimi ritenendoli strumenti utili alla prevenzione nella lotta alla criminalità organizzata e a tal fine è spesso ospite di scuole e di università, in Italia e all’estero, per spiegar il perché non conviene essere ‘ndranghetisti.
Con Antonio Nicaso, storico delle organizzazioni criminali, uno dei massimi esperti di ‘ndrangheta nel mondo, ha scritto Fratelli di sangue (Pellegrini 2006), La malapianta (Mondadori 2010), La giustizia è una cosa seria (Mondadori 2011), Male lingue (Pellegrini Editore 2014), Oro bianco (Mondadori 2015) e Padrini e padroni (Mondadori 2016).


Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it

31maggio2017

The scientific event starts on May 31 with a one-day Summer School, followed by a Research Workshop (June 1-3).

On Sunday June 4-th, the meeting will close with a mentoring day.
The encounter will bring together several experts in Algebraic Combinatorics, Algebraic Topology and Commutative Algebra in a center famous for the P.R.A.G.M.A.T.I.C., an Algebra and Geometry summer school that have been the incubator for many new young researchers in these fields.

31maggio2017_2

Mercoledì 31 maggio 2017, ore 17.30
Scuola Superiore di Catania
Aula Magna, Villa San Saverio

Relatore: Francesco Caglioti
Docente di Storia dell’arte moderna
Università “Federico II” di Napoli

Saluti:
Lina Scalisi
Coordinatore Classe delle Scienze Umanistiche e Sociali
Scuola Superiore di Catatnia

Introduce:
Valter Pinto
Dipartimento di Scienze Umanistiche
Università degli Studi di Catania

caglioti

SPEAKER’S BIO: Francesco Caglioti (1964) è professore ordinario di Storia dell’arte moderna presso l’Università “Federico II” di Napoli, dove è stato direttore della Scuola di Specializzazione in Storia dell’arte ed è attualmente coordinatore del Dottorato di ricerca in Scienze archeologiche e storico-artistiche.
Laureatosi con Giovanni Previtali presso l’Università degli Studi di Napoli, ha conseguito il Dottorato di ricerca in Storia dell’arte con Paola Barocchi presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove è stato ricercatore fino al 2001.
È membro della redazione di “Prospettiva. Rivista di storia dell’arte antica e moderna” e del Consiglio Direttivo della Fondazione “Memofonte” di Firenze; accademico delle Arti del Disegno di Firenze; membro del Consiglio Direttivo del Dizionario biografico degli italiani (Istituto dell’Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, Roma), del Collegio Scientifico della Fondazione “Federico Zeri” (Università di Bologna), del Consiglio Scientifico del Museo Nazionale del Bargello.
Ambiti principali delle sue ricerche sono la scultura, la committenza e la letteratura artistica del Quattro e Cinquecento in Italia, con particolare attenzione a Firenze, la Toscana, il Veneto, Roma, Napoli e l’Italia meridionale, e agli scultori toscani, da Ghiberti e Donatello a Benedetto da Maiano e a Michelangelo.
Numerosissime le sue pubblicazioni su questi argomenti, dai due tomi su Donatello e i Medici (Firenze 2000), che hanno ottenuto il riconoscimento di “book of the year” (“Apollo: the international art magazine”, 2001), a lunghi articoli per riviste (tra cui “Prospettiva”, “Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz”, “Bollettino d’arte del Ministero dei Beni Culturali”, “La revue du Louvre et des Musées de France”, “Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa”, “Dialoghi di Storia dell’arte”, “OPD restauro”, “Studies in the History of Art”), a saggi e schede in cataloghi di mostre.


Per informazioni: Dott.ssa Maria Sanfilippo – E-mail: maria.sanfilippo@ssc.unict.it